PRODOTTI

Rata tasso fisso

Il mutuo a tasso fisso ha un tasso di interesse che viene determinato contestualmente alla stipula del contratto di mutuo e rimane fisso per tutta la sua durata.
Il tasso fisso è consigliabile a chi vuole essere certo degli importi delle singole rate e dell’ammontare complessivo del debito da restituire sin dal momento della firma del contratto. Parametro all’eurirs.

Rata tasso Variabile

Il mutuo a tasso variabile è un mutuo nel quale il tasso di interesse viene determinato periodicamente nel corso del periodo di ammortamento in base ad un parametro variabile (Euribor, tasso BCE).
Il tasso di interesse può variare a scadenze prestabilite rispetto al tasso di partenza secondo le oscillazioni del parametro di riferimento, di solito un tasso di mercato o di politica monetaria.
Il tasso variabile è consigliabile a chi vuole un tasso sempre in linea con l’andamento del mercato e può sostenere eventuali aumenti dell’importo delle rate.

Rata costante

Il mutuo a tasso variabile a rata costante  prevede la possibilità di mantenere la rata sempre fissa per tutta la durata del contratto con il periodo di rimborso variabile in funzione delle variazione dei tassi.
Il  tasso variabile a rata costante è consigliabile a chi, al momento della stipula, preferisce avere la tranquillità di una rata fissa per tutta la durata del mutuo.

Rata tasso misto

Il mutuo a tasso misto è un mutuo che prevede a determinate scadenze la possibilità di variare il tipo di tasso di interesse applicato alla rata di rimborso.
Il tasso di interesse può passare da fisso a variabile (o viceversa) a scadenze fisse e/o a determinate condizioni indicate nel contratto. Il tasso misto è consigliabile a chi, al momento della stipula, preferisce non prendere ancora una decisione definitiva sul tipo di tasso.

Rata con Cap

Mutuo con Cap sta ad indicare un mutuo a tasso variabile con un tetto alla rata.
Il mutuo a tasso variabile si compone di una rata di rimborso che varia in base a un preciso paramento, il tasso Euribor o il tasso BCE.
La formula prevede che la banca, tuteli il mutuatario da variazioni in aumento del tasso che copre il maggior costo della rata mettendo un tetto massimo alla stessa, oltre il quale sarà l’assicurazione a rimborsare alla banca la somma eccedente.