PRESTITI

Prestiti personali

E’ il finanziamento di una somma di denaro, da parte di una Banca o di un istituto specializzato, ad un tasso d'interesse fisso, a differenza dei mutui, quindi, i prestiti non dispongono della garanzia di un bene.
In linea di massima è possibile richiedere un prestito da 3.000 euro a 50.000,00 euro. La durata del finanziamento varia da 1 anno ai 10 anni.
Il prestito personale può essere richiesto da un dipendente, autonomo o pensionato.

Cessioni del quinto

E’ il finanziamento di una somma di denaro, da parte di un istituto specializzato a rate mensili con durata massima di 10 anni.
La caratteristica principale è che il rimborso avviene prelevando la rata direttamente dallo stipendio o dalla pensione.
Sarà quindi il datore di lavoro o l’ente previdenziale che si impegna a corrispondere le rate. La rata può raggiungere al massimo un quinto dello stipendio e copre tutti i costi di finanziamento.
La denominazione cessione del quinto prende origine dal fatto che la rata mensile è prelevata direttamente dallo stipendio o dalla pensione e l’entità del prelievo può salire fino ad 1/5 della busta paga o della pensione.
Nel caso della Cessione del Quinto, non è il richiedente a pagare direttamente le rate tramite addebito sul conto corrente, ma il datore di lavoro (per dipendenti privati, pubblici e statali) o l’ente Previdenziale (per pensionati INPS e INPDAP).
Quest’ultimo corrisponde periodicamente le rate alla finanziaria prelevando la somma alla fonte, ovvero diminuendo di una pari quantità lo stipendio o la pensione.

Delega di pagamento

E’ un ulteriore finanziamento, affiancato alla cessione del quinto, su concessione dell'azienda, con addebito di una seconda rata pari a 1/5 dello stipendio, possibile solo nel caso dei lavoratori dipendenti, l’importo prelevabile può raggiungere i 2/5 dello stipendio.
Nel caso della Delega di pagamento, non è il richiedente a pagare direttamente le rate tramite addebito sul conto corrente, ma il datore di lavoro (per dipendenti privati, pubblici e statali) o l’ente Previdenziale (per pensionati INPS e INPDAP).
Quest’ultimo corrisponde periodicamente le rate alla finanziaria prelevando la somma alla fonte, ovvero diminuendo di una pari quantità lo stipendio o la pensione.

Prestiti Fotovoltaici

Sono prestiti agevolati rivolti a persone fisiche, imprese, condomini ed enti pubblici, volti a sostenere la progettazione e l'installazione di pannelli fotovoltaici per trasformare l'energia solare in energia elettrica.
Per i primi 20 anni, il Gestore dei Servizi Elettrici (GSE) eroga un contributo periodico in ragione dell'energia elettrica immessa nella rete nazionale. A seconda della tipologia dell'impianto.

Prestito di consolido

Significa unificare la coesistenza di due o più rate in una sola che sostituisca tutte le precedenti.
I prestiti che possono essere consolidati sono: tutti i prestiti personali, tutti quelli del credito al consumo e quelli derivanti dalle carte di credito revolving.
In sostanza il consolidamento permette di unificare le rate in essere in una sola abbassando notevolmente il peso globale della rata e ri-proporzionarlo alle entrate e se è  possibile, oltre all'unico pagamento di una rata, si può ottenere ulteriore liquidità.